Man in the high castle
in

The Man in the High Castle, la 4° stagione è la più politica di sempre

“La verità, vi prego, sull’amore”, scriveva in una magnifica poesia il grande Wystan Hugh Auden. Qualcuno si è messo in testa di rispondere una volta per tutte, e io sono qui per scrivervi come ha risposto.

Chi ha amato alla follia il lavoro epico di Philip K. Dick si è ritrovato in una relazione “complicata” con The Man in the High Castle, una serie Amazon Prime tra le più assurdamente curate e rifinite di sempre: niente è lasciato al caso. La prima volta in assoluto che un’opera audiovisiva mi offre un’esperienza ancora più ricca della lettura del romanzo.

Perchè una relazione “complicata”?

Perchè quando si ama una storia e la si ritrova intatta, vivida di particolari e pronta a proseguire oltre gli argini delle pagine se ne vorrebbe sempre di più, si ha un punto di vista speciale sui personaggi e (in questo caso specifico) si vorrebbe che tra le tante linee temporali che la storia prende in esame ci fosse quella che piace a noi.

Ma facciamo finta per un attimo che esista davvero la mano invisibile del destino a guidare Juliana Crain e l’Obergruppenführer dal nome paradigmatico, quel John Smith che potrebbe essere chiunque e nessuno.

Facciamo finta che non abbiano altre vere scelte che quelle viste nella serie. Al loro posto cosa fareste se vi chiedessero di scegliere tra il sapere come cambia la Storia del mondo e come cambia quella della vostra vita?

Dareste tutto per cambiare il passato, per cambiare il futuro o per capire chi siete veramente?

Attenzione, piccolo spoiler

Dal Grande Reich Nazista e dagli Stati Giapponesi del Pacifico si levano venti insidiosi di guerra, ma più alti di loro sono i tumulti interiori di un popolo che anche in un mondo parallelo è tra i più vessati della storia. E tornano in mente Martin Luther King, e il black power, e le pantere nere… Cosa sarebbe successo in un mondo dominato dal nazismo? Toccherà a loro ritrovare lo spirito dei padri e dei nonni, sollevarsi da un passato di catene e campi di cotone per dare la carica ad una nazione addormentata, schiacciata, addomesticata da una propaganda sempre più pervasiva e da un potere sempre più potente.

E dunque, la risposta sull’amore?

Ve la dò io, senza dirvi altro di The man in the high castle, salvo che va vista ad ogni costo, quanto è vero Iddio. È la verità che vorreste sapere tutti, che avrebbe davanti chiunque se poteste assistere ad un’altra versione di sé stesso. E scoprire, magari, che non si è mai in un solo modo, che nonostante tutto non si è buoni né cattivi.

L’amore è aria, si può scegliere di respirarne pulita o sporca, ma non ci si può mai dire lontani da lui, perchè è ovunque. Ed ora che sapete la verità sull’amore sfoderate anche il coraggio e guardate tutta la serie, così capirete perchè vi ho detto così.

Dove vedere L’uomo nell’alto castello – The Man in the high castle in streaming

Dove: in esclusiva su Amazon Prime Video
Come: in abbonamento con Amazon Prime
Quando: le quattro stagioni sono attualmente disponibili

Watchmen S01E07 An Almost Religious Awe

Watchmen Episodio 7: tutto quello che c’è da sapere

golden globe

Nomination Golde Globe: il riscatto di 5 serie passate inosservate