Netflix e Disney
Foto: Luckboxmagazine
in , ,

3 motivi per cui Disney Plus può battere Netflix, e 3 per cui può fallire

Stiamo ancora cercando di farci un’idea su Apple TV+ ed ecco che Disney Plus è già all’orizzonte: qualcosa mi fa pensare che sarà una partenza col botto.

La casa di Topolino crede fottutamente in questo progetto, e ci ha messo dentro tutti gli ingredienti giusti: l’alta risoluzione e il catalogo “effetto nostalgia”. Parliamoci chiaro, questo è il lancio più atteso di tutti.

Quando Netflix presentò il suo servizio non esisteva alcun mercato: vita facile, dunque. Oggi, nella competizione accesa che si è creata, Disney irrompe con un catalogo che anche all’epoca sarebbe stato un sogno.

Eppure il futuro non è scritto neanche per Disney: i motivi del probabile trionfo sono più o meno quelli che pendono a favore di un flop. Ho messo insieme 3 plus e 3 minus.

I plus:

4K HDR per tutti

Certo, la maggior parte delle cose su Disney Plus non sarà in risoluzione 4K o HDR, ed altri concorrenti si sono attrezzati più o meno in tempo zero (vedi la succitata Apple), ma con così tanti film Disney e Marvel di successo già usciti e in arrivo, questo fattore sarà un vantaggio cruciale.

Un catalogo praticamente infinito

Signò, qui abbiamo la storia dell’entertainment con programmi TV e film che risalgono agli anni ’30 – a partire da Biancaneve e i sette nani: non c’ è niente di simile al mondo.

Spettacoli esclusivi dedicati

In questo Disney Plus ha un vantaggio enorme sugli altri: è da sempre creatrice di contenuti. Mentre Netflix e Amazon Prime hanno iniziato a produrre spettacoli e film per fare branding e acquisire una identità, Disney ha dalla sua quasi un secolo di esperienza nella produzione e decine di studi che può sfruttare per creare i contenuti vincenti.

Vogliamo parlare degli show previsti al lancio? Serie TV dal mondo di Star Wars? Le serie Marvel su Loki, Occhio di Falco, Il Soldato d’inverno? Gli spin-off da Toy Story 4 con Forky? Praticamente ogni singolo personaggio apparso in ogni singolo film può diventare protagonista di una serie.

Attenti, però: a volte anche le squadre vincenti sulla carta rimediano una sonora sconfitta.

Ecco i minus, ÅKA “cosa può andare storto” :

Soffocare in una “monocultura”

Disney Plus vivrà dei suoi franchise: Marvel, Star Wars e Pixar uber alles. Ma potrebbe anche morirvi: il pericolo di produrre un numero infinito di contenuti all’interno di questi tre recinti è forte. Se Disney non differenzia bene finirà per tenere incollato allo schermo solo un certo pubblico e non evolverà.

Aspettative troppo alte

Disney Plus potrebbe essere vittima dell’attesa che ha creato: perfino il lancio “asimmetrico” e non contemporaneo nel mondo potrebbe fornire messaggi contrastanti e rivelarsi un boomerang.

Paesi cruciali come Inghilterra e Olanda potrebbero restare facile preda di Netflix e Amazon Prime, o cadere vittima di qualche recensione negativa da altre zone dove il servizio è già attivo.

Arriva tardi

Per quanto sia eccitante vedere centinaia di film e spettacoli Disney classici, la partenza tardiva del servizio può essere una zavorra.  Netflix vanta circa 7.000 titoli in totale, mentre Amazon Prime ha oltre 13.000 contenuti in catalogo TV.

La lunga serie di titoli di lancio che Disney ha proposto non è arrivata neanche a 900, e ci vorrà un po’ prima che Disney abbia un catalogo di dimensioni comparabili. 

Insomma, sono entusiasta del lancio, ormai manca poco, ma non scommetterei tutto quello che ho sul paventato “sorpasso” di Disney Plus su Netflix. Dopo i primi mesi, anzi, gli intoppi potrebbero superare i motivi di spinta.

È il caso di dire che starò a vedere.

edit: e intanto arriva la data ufficiale di uscita per l’Italia. 31 Marzo. Abbiamo tempo per tanti nuovi approfondimenti 🙂

Doom Patrol

Perchè Doom Patrol è la più interessante serie DC degli ultimi anni

1:06

The New Pope, Sky Atlantic lancia il nuovo teaser trailer